fbpx

Pippo Viscido, il ricordo e l’ultimo saluto a Battipaglia

L‘improvvisa scomparsa del calciatore Pippo Viscido, avvenuta alcuni giorni fa, ha immediatamente scosso in maniera profonda tutto il calcio italiano, a partire dalle piazze dove il centrocampista ha lasciato dapertutto un ricordo eccellente, sia sul terreno di gioco che fuori, dove si è distinto per grande umiltà e professionalità.

Filippo ha deciso di togliersi la vita impiccandosi e lasciando sgomenti i propri cari che non avevano mai notato il suo stato mentale, l’Afragolese ha per l’occasione aperto un’iniziativa per aiutare la famiglia.
Dopo aver militato nel Salernum Baronissi, il 31enne è stato costretto allo stop deciso a causa del Covid, ha a lungamente fermato le categorie dilettantistiche. Nella lettera che ha lasciato ha espressamente chiesto di essere “salutato” per l’ultima volta a Battipaglia, dov’era nato, e dove ha giocato: quella battipagiliese è sicuramente tra le piazze dove è stato più amato e rispettato.
La società della Battipagliese ha pubblicato il video dove “Pitbull”, com’era soprannominato, è stato omaggiato:

Commovente anche il cordoglio da parte dei tifosi dell’Afragolese, che hanno deciso di omaggiarlo con uno striscione. La società rossoblu per l’occasione ha “oscurato” il logo della società in segno di lutto.

Anche l’Avellino ha scelto di salutarlo attraverso i propri social.
I tifosi gli hanno scritto ““Ogni parola può essere sbagliata, non vogliamo ancora crederci… ma se hai fatto un gesto simile significa che avevi mollato, noi però non ti avevamo mai visto mollare. Ci mancherai Pippo. Ciao Pitbull”.

  • Add Your Comment