fbpx

Portici Puteolana 1902, il Giudice Sportivo respinge il ricorso

Il Giudice Sportivo, attraverso un comunicato pubblicato sul sito ufficiale della Lega Serie D, ha reso noto di aver respinto ufficialmente il ricorso richiesto dalla Puteolana 1902 in merito alla sfida tra Portici e la stessa Puteolana 1902. Di seguito il comunicato ufficiale:

Portici Puteolana 1902, respinto ricorso

DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
PORTICI 1906 A R.L. – PUTEOLANA 1902
Il Giudice Sportivo,
– letto il reclamo fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio dalla A.S.D. PUTEOLANA 1902, con il quale si richiede che
venga inflitta alla SSD PORTICI 1906 la punizione sportiva della perdita della gara, ai sensi dell’art. 10, comma 6, lett. a) C.G.S.,
deducendola irregolare posizione, nella gara in epigrafe del calciatore SCHIAVI PIO, schierato in campo dalla SSD PORTICI 1906
con il n. 2 sin dall’inizio della gara, nonostante al medesimo fosse stata comminata una squalifica per una gara, con C.U. n. 153 del
3 maggio 2021;
– rilevato che secondo la tesi della reclamante la medesima squalifica per una gara non sarebbe stata scontata nel corso della gara
Taranto -Portici del 9 maggio 2021 in quanto la medesima “non è stata omologata” e, pertanto, il calciatore SCHIAVI PIO sarebbe
“ancora in corso di squalifica”;
– lette le Controdeduzioni fatte pervenire dalla S.S.D. PORTICI 1906 con cui si chiede il rigetto del reclamo poiché “manifestamente
infondato” e la condanna della ricorrente alle spese di lite;
– rilevato come la fattispecie dedotta nel presente giudizio debba chiaramente essere ricondotta al regime descritto dall’art. 21,
comma 4, CGS, secondo cui “Le gare, con riferimento alle quali le sanzioni a carico dei calciatori e dei tecnici si considerano
scontate, sono quelle che si sono concluse con un risultato valido agli effetti della classifica o della qualificazione in competizioni
ufficiali, incluse quelle vinte per 3?0 o 6?0 ai sensi dell’art. 10, e non sono state successivamente annullate con decisione definitiva
degli organi di giustizia sportiva”,
– osservato come l’interpretazione che la reclamante offre dell’art. 21, co. 4, CGS si palesa manifestamente infondata, bastando
all’uopo considerare che:
a) al momento della gara in epigrafe, non era intervenuto alcuna decisione definitiva di codesto Giudice sportivo sulla gara a cui il
calciatore SCHIAVI PIO non ha preso parte (in ragione della squalifica comminata);
b) anche qualora fosse intervenuta una decisione di annullamento della gara (contrariamente a quanto, nelle more, occorso nel caso
di specie) il calciatore SCHIAVI PIO avrebbe dovuto scontare la squalifica solo “nella gara immediatamente successiva alla
pubblicazione del provvedimento definitivo”, come previsto dallo stesso art. 21, co. 4, CGS;
c) assecondando l’interpretazione proposta dalla reclamante, la corretta esecuzione (e la portata afflittiva) di un qualunque
provvedimento sanzionatorio risulterebbe condizionata da eventuali (impronosticabili e successivi) reclami proposti dai sodalizi
avversari contro l’omologazione della gara (ovvero delle gare) a cui il calciatore in squalifica non ha preso parte e ciò,
indipendentemente dalla fondatezza degli addebiti e, pertanto, dalla regolarità della medesima.
P.Q.M.
Delibera:
1) di respingere il reclamo;
2) di convalidare il risultato della gara conclusasi con il punteggio di 4-0 in favore della SSD PORTICI 1906;
Pag. 4 / 170
3) di addebitare la tassa di reclamo sul conto della A.S.D. PUTEOLANA 1902;
4) di condannare la dalla A.S.D. PUTEOLANA 1902 al pagamento delle spese in favore dell’AZ PICERNO S.r.l., per un importo pari
ad euro 500, in forza dell’art. 55, comma 1, C.G.S.

  • Add Your Comment