fbpx

Virtus Matino – Sorrento 2-0: I costieri cadono contro l’ultima in classifica

Sconfitta in trasferta per il Sorrento, che “cade” sul campo del “fanalino di coda” Virtus Matino. La pagina del club costiero ha pubblicato l’intera cronaca del match.

Virtus Matino – Sorrento 2-0: I costieri cadono contro l’ultima in classifica

MATINO (4-3-3) Leuci; D’Andria, Macime, Mangione, Michell; Tarantino, Calò, Palmisano; Monopoli, Morra, Stauciuc (Caputo, Rantucho, Czornomaz, Mbengue, Inguscio, Ancora, Gramegna, Fini, Convertini). All.: Toma
SORRENTO (3-4-1-2) Volzone; Manco, Mezavilla, Mansi (dal 21’ s.t. Acampora); Rizzo (dal 1’ s.t. Carrotta), La Monica, Virgilio (dal 1’ s.t. Petito), Cassata (dal 1’ s.t. Tedesco), Romano (dal 40’ s.t. Petrazzuolo); Gargiulo, Ripa (Del Sorbo, Ferraro, Selvaggio, Diop). All.: Cioffi

MARCATORI: Palmisano 39’ p.t., Monopoli 25’ s.t.

ARBITRO: Martino di Firenze (Bettani-Farina)
Note: si è giocato ad Ugento; vento forte, ingresso gratuito. Spettatori 200 circa.

Il Sorrento non riesce a bissare il successo contro la Mariglianese ed inciampa a Ugento contro un avversario capace di sottrarre sei punti ai rossoneri nel doppio confronto. Due a zero il finale per gli uomini di Toma che tengono vive le speranze di salvezza mentre i rossoneri stazionano ancora al centro della classifica.
Cioffi ha scelto di premiare Gargiulo dopo l’ottimo subentro con la Mariglianese piazzandolo al fianco di Ripa con Cassata arretrato da mezzala offensiva. Una mossa che sembrava dare i suoi frutti in avvio quando proprio sui piedi di Gargiulo è capitata la migliore occasione del primo tempo. La gara, però, condizionata da forte vento non si è sbloccata ed il risultato non è cambiato neppure dopo una incursione pericolosa di Cassata ed in virtù della bella parata al 37’ di Leuci su botta da fuori di La Monica. Prima del duplice fischio, a sorpresa, è stato invece il Matino a portarsi avanti con Palmisano, bravo a battere Volzone nell’unica circostanza in cui i pugliesi si sono presentati in area ospite.
Dopo l’intervallo, il Sorrento si è presentato con una veste nuova ma – a differenza di quanto accaduto con la Mariglianese – i cambi hanno sortito un paio di occasioni (con Gargiulo ed il subentrante Petito) ma non hanno portato alla rimonta. Anzi, dopo che il Sorrento ha sfiorato il pari, è arrivato il 2-0 dei padroni di casa con Monopoli di testa poco dopo la metà della ripresa. Un gol che ha spento definitivamente le velleità dei rossoneri. UFFICIO STAMPA SORRENTO

Sorrento