fbpx

Serie D – Real Agro Aversa – Fasano, il presidente Pellegrino: “Non concessi due calci di rigore, nuovamente penalizzati”

Non è certamente soddisfatto il patron della Real Agro Aversa, compagine sconfitta 0-1 nell’ultimo confronto contro il Fasano. Proprio in merito alla gestione arbitrale del match, come espresso attraverso i canali ufficiali:

“Se il calcio è diventato un teatrino per concedere gettoni ad arbitri incompetenti, a millantatori che ruotano intorno alla Federazione oppure a personaggi in cerca d’autore ce lo dicano subito. Noi non ci stiamo, non ci stiamo a questi giochetti di palazzo”. Il presidente del Real Agro Aversa è una furia, il suo Real Agro Aversa è stato nuovamente penalizzato. Contro il Fasano non sono stati concessi due rigori nettissimi (su Varchetta e Pagliuca) da un arbitro che non è riuscito mai a tenere in pugno la partita: “Due calci di rigore grossi quanto una casa non visti da un arbitro che spero sia semplicemente incompetente e non in malafede. Ha espulso un nostro calciatore, Faiello, in maniera veramente superficiale, fischiando per tutta la gara a senso unico. Abbiamo disputato un secondo tempo di sacrificio, chiudendo il Fasano nella propria area nel secondo tempo. Li abbiamo obbligati a sbagliare in area, e quando si sbaglia in area poi c’è il rigore. Noi ci siamo riusciti per ben due volte, con Varchetta e Pagliuca, ma questa volta il direttore di gara aveva già deciso chi dovesse vincere il match”. E quindi un messaggio chiaro al presidente della Lnd Sibilia: “Lo conosco da tempo e so che persona è, conosco la sua passione e la sua buona fede ma ho bisogno di un incontro urgente per chiarire la nostra posizione. Siamo stati anche noi avvicinati da personaggi che dovrebbero essere eliminati da questo calcio e per questo motivo puntiamo alla massima trasparenza. Col Sorrento, oggi e in tante altre partite abbiamo subito ingiustizie vere e proprie. Se c’è un disegno contro di noi, o contro il presidente Pellegrino, lo dicano chiaramente. Se diamo fastidio in Serie D siamo pronti a togliere il disturbo”.

 

  • Add Your Comment