fbpx

Serie D – Afragolese: lettera emozionante del presidente Niutta a tutta la piazza

Il presidente dell’Afragolese, Raffaele Niutta, in vista della nuova stagione che parte oggi, ha voluto scrivere di proprio pugno una lettera molto emozionante per tutta la piazza di Afragola. Le sue sono parole dettate dal cuore, che dimostrano ancora una volta tutta l’umanità e l’amore verso i propri colori di un presidente che prima di tutto è un tifoso, pur ( e questo è bene ricordarlo) non essendo nativo di Afragola. “O’ Lione” come viene soprannominato non si smentisce anche questa volta.

Questo il testo completo della lettera: “L’emozione è forte, indescrivibile: inizia il pre ritiro.

È stato un anno sportivo fantastico e finalmente dopo 28 anni l’Afragolese è nuovamente in serie D.

Oggi voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito attivamente al progetto biennale del club.

A chi c’è stato e ci sarà ancora. A chi si è aggiunto.

Grazie al supporto di Gaetano Acri e Mimmo di Maso, colonne del club.
Grazie ai nuovi e già consolidati sponsor.

Grazie ai tifosi per l’ulteriore sacrificio che li vedrà sul campo a Volla, nell’attesa di ritornare al “Moccia”.
Grazie al primo cittadino e all’assessore allo sport Cristina Acri, che appena possibile riconsegneranno lo stadio alla città, ai tifosi.

Grazie al grande Nicola Pannone e a tutto l’apparato societario.
Grazie al grande staff tecnico capitanato dal Ds Romano e dall’allenatore Masecchia, al loro entourage, a tutti coloro che lavorano dietro le quinte senza apparire.

Un grazie alla new entry, il vice presidente Giovanni Napolitano, che ci accompagnerà nel nuovo progetto.
Grazie a tutti coloro che arriveranno e che avranno il piacere di unirsi ai colori rossoblù.

Un ringraziamento speciale alla famiglia Bossa, Vincenzo e Nicola, sempre presenti sempre sul pezzo.

Oggi è tempo di restare ancora tutti uniti.
L’unità porta alla vittoria ed io insieme a voi voglio vincere ancora ed urlare… Urlare che la favola continua 💪💪💪

PRESIDENTE RAFFAELE NIUTTA”.

22bet-bonus