Portici, due dubbi formazione da sciogliere per Borrelli: un dato spaventa gli...

Portici, due dubbi formazione da sciogliere per Borrelli: un dato spaventa gli azzurri

di -
0 235
Borrelli

ALTAMURA. Il Portici dopo la vittoria contro l’Afragolese e aver conquistato al vetta della classifica, è pronto a scendere in campo nella fase nazionale della Coppa Italia Dilettanti. Gli azzurri sono ad un passo dalla qualificazione ai quarti di finale. L’importante è non perdere, i campani hanno due risultati utili su tre. Basta pareggiare o, nel migliore dei casi, vincere per staccare il pass per accedere al turno successivo. Tutta Portici aspetta solo il fischio d’inizio, la squadra di Borrelli sta scrivendo la storia della città. Quest’anno è arrivato il primo trofeo della storia porticese, si è al primo posto in campionato e protagonisti nella fase nazionale di coppa. Non bisogna mollare proprio adesso, di fronte c’è l’Altamura, una formazione che in casa si trasforma. I pugliesi hanno collezionato nove vittorie casalinghe, su quattordici successi in totale. I gol fatti in casa ammontano a 27, quelli fuori casa solo a 12. Il dodicesimo uomo in campo dell’Altamura conta, ma l’esperienza dei calciatori del Portici dovrà regalare uno storico passaggio del turno.

LE PROBABILI FORMAZIONI. Pasquale Borrelli ha solo due calciatori fuori: Di Pietro (per squalifica) e Ragosta (per infortunio). Il tecnico può contare sulla sua ampia rosa, che finora è la forza principale azzurra. Tra i pali confermato il giovane Mola, coppia centrale di difesa formata da Follera (ha riposato con l’Afragolese) e Noviello. Esterni difensivi Visone e Boussaada, giovani ma con già tanta esperienza sulle spalle. A centrocampo Olivieri, Ruscio e Sardo (in ballotaggio con Panico). Tridente offensivo formato da Manzo e Murolo alle spalle di Fava.

PORTICI (4-3-3): Mola; Visone, Noviello, Follera, Boussada; Oliveri, Ruscio, Panico; Manzo, Murolo, Fava. All.: Borrelli.
ALTAMURA: Petruzzelli, Colaianni, Cannitto, Lede, Ostuni, Di Benedetto, Di Senso, Fiorentino, Tragni, Rana, Bottone.

RIPRODUZIONE RISERVATA

di Simone Scala

Simone Scala
Figlio di un imprenditore, voglio intraprendere la strada del giornalismo. La mia passione più grande è il calcio, senza quel pallone che rotola non so se riuscirei a vivere.