Campionato
Sezione del campionato di calcio italiano

SAN CASTRESE. Al D’Arcangelo di San Castrese, ore 15,30, è andato il scena oggi il derby tra Sessana e ASD Mondragone. Una gara sentitissima da ambedue le partite. Un bel match svoltosi dinanzi ad una folta cornice di pubblico. Vediamo com’è andata.

 

La cronaca

Primo tempo. Pronti, via! A partire meglio è la Sessana che preme forte sull’acceleratore. Al minuto 5 però inaspettatamente è il Mondragone a passare in vantaggio. Break di Sequino a centrocampo che elude la marcatura e lancia in verticale Milone. Lanciato a rete la punta granata calcia in porta di prima intenzione col pallone che scavalca il portiere e si insacca a rete. È 1-0 ospite. Col passare dei minuti sale l’agonismo, si lotta su ogni pallone. Nessuna delle due squadre riesce a prevalere sull’altra. Al minuto 22 però la Sessana agguanta il pareggio. Gracco scende ottimamente sulla fascia e scarica in mezzo. Dopo un rimpallo sulla palla arriva il numero 11 Sorrentino che si accentra, dribbla l’avversario e col destro scarica in rete sul secondo palo. 1-1 al D’Arcangelo.

I ritmi aumentano ed al minuto 27 è ancora il Mondragone a passare in vantaggio. Punizione dai 35 metri, sulla battuta va Lepre che calcia di potenza. Sulla conclusione centrale erroraccio del classe 2000 Abbate che non riesce a bloccare, la palla gli sfugge dalle mani e finisce in rete. 1-2 granata. Sul finale ancora Mondragone, occasionissima al minuto 33. Trotta lancia per Ischero che controlla e si immola in area avversaria. Il diagonale col mancino dell’esterno viene respinto da Abbate, sulla sfera si avventa Lepre che calcia a botta sicura da posizione ravvicinata. Sulla conclusione però miracolo di Abbate che si riscatta ampiamente dallo sbaglio precedente e salva la propria squadra dal doppio svantaggio.
Secondo tempo. Il secondo tempo procede senza regalare azione alcuna. La partita diventa nervosa, soprattutto da parte dei padroni di casa che non riescono a trovare il pareggio. Poi d’un tratto la svolta. Al minuto 86 i granata calano il tris. In contropiede Lepre scende sulla fascia e scarica al centro. Milone gioca di sponda e Fava riceve, si accentra sul mancino in area e scarica in rete col diagonale preciso. È 1-3 per il Mondragone.

La partita procede a folate. Al minuto 89 è ancora il Mondragone a rendersi pericolosissimo. Triangolo in contropiede tra Solano ed Improta con il primo che viene steso in area. Dal dischetto si presenta Improta che calcia rasoterra ad incrociare. La palla colpisce il palo a portiere spiazzato. Poker sfiorato di un nulla. Il triplice fischio arriva dopo i cinque minuti assegnati. Finisce così a San Castrese. Il derby si colora di granata! Il Mondragone cala il tris ai danni della Sessana. Sbancato il “D’Arcangelo”.

Il tabellino

SESSANA: Abbate, Caiazzo (55’ Di Lanna), Arigò, Gargiulo, Viglietti, Zamprelli (46’ Signore), Agata (46’ Coppola), D’Abronzo (46’ Caruso), Grezio, Gracco, Sorrentino (60’ Del Prete S.)
A disposizione: Paolella, Mottola.
All. De Michele

MONDRAGONE: Iaccarino, Giordano, Trotta, Castaldo, Del Franco, Parente, Lepre (86’ Solano), Sequino (66’ Fava), Milone (85’ Improta), Colella, Ischero (66’ Cavaliere)
A disposizione: Palma, Del Prete C., Lauropoli.
All: Carannante

Marcatori: 5’ Milone (M), 22’ Sorrentino (S), 27’ Lepre (M), 76’ Fava (M)

Ammoniti: Gargiulo (S); Parente (M), Colella (M), Ischero (M).

di -
0 291
In foto, Emanuele Casolare

MONTE DI PROCIDA. Domani 7 ottobre alle ore 15.30, il Monte di Procida sarà impegnato nella 5°giornata di campionato, per il big match contro il Savoia 1908.

I montesi partono dall’importante vittoria contro il Mondragone in trasferta, per 0-1, regalata da una perla di Alessandro Valoroso.


Per questa settimana  a caricare l’ambiente gialloblù, è l’estremo difensore under classe 2000, Emanuele Casolare, tra i riconfermati della passata stagione, che dichiara: “Domani ci aspetta una sfida davvero ostica, contro una formazione blasonata, che abbiamo già incontrato nella gara di andata dei sedicesimi di finale. Abbiamo preparato bene questa partita come le altre del resto, quindi affronteremo la gara a viso aperto sfruttando il fattore campo. Ringrazio il tecnico Marco Mazziotti per la fiducia che mi sta dando, e anche il preparatore dei portieri il mister Pratticò che mi sta aiutando a migliorare sempre di più. Colgo l’occasione per fare un saluto speciale ai miei maestri Marco Giglio ed Arturo Tudisco, che mi hanno permesso di arrivare dove sono”.

A termine della fase di rifinitura il tecnico Marco Mazziotti ha diramato l’elenco dei convocati:

PORTIERI: Casolare ’00, Carezza

DIFENSORI: Carrano ’99, Esperimento, Petruccio ’98, Petrone ’00, Barretta ’99, Autiero, Punziano, Iannuzzi ’00

CENTROCAMPISTI: Attanasio ’00, Costagliola, Valoroso, Caputo, De Simone, Iazzetta ’98

ATTACCANTI: Di Matteo, Coppola, Lucignano ’98, Capuano, Raia, Palma, Esposito ’98

top 11
Top 11 GIRONE B

NAPOLI. Torna il consueto appuntamento con la rubrica “Top 11”. Di seguito proponiamo la migliore formazione della 4.a giornata del Girone B scelta da Tutto Eccellenza.

TOP 11 GIRONE B (3-4-3)

Faggiano (Costa d’Amalfi), Squitieri (Valdiano), D’Amora (Costa d’Amalfi), Pascuccio (Agropoli), Alleruzzo (V. Avellino), Bove (C. d’Amalfi), Capozzoli (Agropoli), Santosuosso (Eclanese), Zerillo (Cervinara), Torsiello (V. Avellino), Maione V. (Agropoli). All.: Contaldo (Costa d’Amalfi)

Top 11
Top 11 GIRONE A

NAPOLI. Torna il consueto appuntamento con la rubrica “Top 11”. Di seguito riportiamo la migliore formazione della 4.a giornata del Girone A scelta da Tutto Eccellenza.

TOP 11 GIRONE A (3-4-3)

Casolare (Monte di Procida), Autiero (Monte di Procida), Pucino (Maddalonese), Viscovo (San Giorgio), Inserra (Puteolana 1902), Costanzo (C. Frattese), Bonavolontà (Maddalonese), Valoroso (Monte di Procida), Sperandeo (Casoria), Caso Naturale (Savoia), Del Sorbo (Afragolese). All.: La Manna (Casoria)

di -
0 77

AGROPOLI. Grande prestazione dell’Agropoli che cala il poker su un Sant’Agnello che si è ritrovato contro una squadra nettamente superiore sotto l’aspetto tecnico – tattico. I delfini partono subito forte con un’occasione sciupata da V. Maione il quale sbaglia a tu per tu con il portiere Stinga. Al 12′, l’Agropoli passa in vantaggio grazie al gol firmato da V. Maione. Due minuti dopo, Apicella va vicino al raddoppio con una conclusione terminata sull’esterno della rete. Al 19′, l’Agropoli realizza la rete del raddoppio e la doppietta personale di V. Maione. L’Agropoli domina e si rende ancora pericolosa al 23′ con una conclusione di Guadagno ben respinta dal portiere Stinga. Al 35′,l’Agropoli conquista un calcio di rigore, alla battuta si presenta capitan Capozzoli che firma il 3-0. Termina così la prima frazione di gioco. Nel secondo tempo, il Sant’Agnello prova a riorganizzare le idee e tentare di mettere almeno in difficoltà l’attacco biancazzurro. Al 63′, Stinga si supera con una gran parata su tiro di V. Maione, un minuto dopo, tentativo di Natiello ancora respinto dal portiere. Al 70′, occasione per il Sant’Agnello ad opera di Marino che vede la sua conclusione terminare sull’esterno della rete. Un minuto dopo arriva il gol del definitivo 4-0 realizzato dal neo entrato P. Maione su assist di Toledo. Il resto della gara vede l’Agropoli andare vicina al quinto gol con Natiello, dopodiché abbassa il ritmo e porta a casa altri tre punti importanti in vista dell’ardua sfida di Nola.

Il tabellino

AGROPOLI: Della Luna, Gullo, Pappalardo (58′ De Foglio) , Santonicola (74′ De Rosa) , Pascuccio (76′ Hutsol), Giura, Capozzoli (51′ Toledo), Natiello, V. Maione (67′ P. Maione), Guadagno, Apicella. All. De Cesare
SANT’AGNELLO: Stinga, Perna (17′ Lazzazzara), Nocerino (86′ Di Giuliocesare), Palladino (79′ G. Esposito), Buonomo, Esposito R, De Stefano, Serrapica (67′ Marino), Lauro, Minicone, Breglia (37′ Veniero). All. Russo
ARBITRO: Liotta di Castellammare.
RETI: 12′ e 19′ V. Maione, 35′ Capozzoli rig., 71′ P. Maione
NOTE: ammonito Pappalardo (A)

(Ufficio Stampa Agropoli)

di -
0 114

SORRENTO. Il Sorrento conquista i primi tre punti in campionato. I ragazzi di mister Guarracino rialzano la testa dopo le tre sconfitte rimediate contro Faiano, Sant’Agnello e Positano e battono il Nola grazie alla rete messa a segno da Gargiulo su calcio di rigore a 4’ dal termine della partita. Gara combattuta, equilibrata e mai scontata. La decide un episodio nel finale.

Il tabellino

SORRENTO: Munao, Di Ruocco F. (13’ st Schettino), Rizzo, Gargiulo Al. (43’ st Matino), Calabrese, Guarro, Cifani (23’ st Vitale), Pepe, Gargiulo A., Falanga (11’ st Mozzillo), Masi (23’ st Fiorentino). All.: Guarracino.
NOLA: Avino, Gioventù, Falivene, Falanga, Schioppa, Sacco (45’ st Tagliamonte), Zaccaro, Lenci, Marotta (14’ st Colonna), Vaccaro, Castiglione. All.:  Caccavale.
ARBITRO: Esposito di Ercolano.
RETE: 41’ st Gargiulo Al. (rig.).
NOTE: ammoniti Di Ruocco F., Pepe e Vaccaro.

di -
0 199

MONDRAGONE. Si è svolta oggi alle 15:30 presso il “Conte” di Mondragone la sfida valida per la quarta giornata del campionato di eccellenza girone A. A scendere in campo il Mondragone padrone di casa e gli ospiti del Monte di Procida. Mister Carannante deve fare a meno di capitan Colella infortunato, negli ospiti da primo minuto c’è Capuano in magic moment dopo la doppietta in coppa in casa del Savoia.

Il primo tempo…

Prima frazione non troppo diverte al “Conte” con nessuna delle due squadre che riesce a prendere in mano il pallino del gioco. Il primo squillo è granata con Castaldo che calcia dal limite, conclusione però centrale. Al 18′ ottima occasione per i granata, 1-2 tra Milone e Fava con il primo che calcia forte in porta ma Casolare riesce a smorzare la conclusione e mettere in calcio d’angolo. L’unico guizzo degli ospiti della prima frazione arriva al 28′ quando Capuano ci prova direttamente da calcio di punizione, Iaccarino però è attento. Senza troppe emozioni finisce così il primo tempo.

La ripresa…

Nella ripresa la partita si viviacizza un po’, dopo un minuto ci prova subito Capuano, destro però fuori. Il Mondragone risponde con Federico che calcia dal limite dell’area, il tiro deviato viene messo in angolo da Casolare. Al 13′ sugli sviluppi di un corner Punziano prova la rovesciata, palla sull’esterno della rete. 19′ minuto Sequino recupera un pallone al limite dell’area, salta un avversario e serve Lepre, il suo destro però è fuori di un soffio, anche se il guardalinee aveva alzato la bandierina. Al 21′ arriva la svolta del match, Valoroso, entrato nella ripresa, lascia partire un destro potentissimo che si insacca alle spalle di Iaccarino, portando così in vantaggio gli ospiti. Mister Carannante si gioca tutte le carte inserendo Solano e Nugnes ma il Mondragone non riesce a buttare giù il muro del Monte di Procida. Dopo 3′ minuiti di recupero finisce così la partita.
Mondragone che dopo le ottime prestazioni fino ad ora si inceppa in una giornata no, l’assenza di Colella si fa sentire molto. Per il Monte di Procida arriva la prima vittoria stagionale, ottima gara sopratutto in fase difensiva, biancoblù che si giocheranno le loro carte per la salvezza fino alla fine.

Il tabellino

MONDRAGONE: Iaccarino; Federico, Trotta (46′ Importa) , Parente, Del Franco, Castaldo (53′ Vincenzi) , Lepre, Sequino (73′ Solano) Milone, Fava (73′ Nugnes), Cristillo.
A disposizione: Palma, Ischero, Lauropoli.
All. Vincenzo Carannante.

MONTE DI PROCIDA: Casolare, Petruccio, Esperimento, Costagliola, Punziano, Autiero, Attanasio, Caputo (53′ Valoroso), Capuano (75′ Raia), Di Matteo (87′ Lucignano), Palma.
A disposizione: Carezza, Carrano, Barretta, Coppola.
All. Mazziotti

Marcatori: 66′ Valoroso (MP)

Ammoniti: Esperimento (MP), Costagliola (MP), Punziano (MP).

Espulsi: Federico (M)

Le parole di Stiletti e Borrelli

Le parole del diesse Stiletti

Purtroppo quando hai di fronte un avversario concentrato che ci tiene a fare bella figura, alla prima disattenzione vieni punito. Abbiamo subito gol su due nostri errori e quando sbagli una buona squadra come la Frattese ti mette in difficoltà. Credo che loro abbiano chiuso meritatamente il primo tempo in vantaggio di due reti, poi nella ripresa è venuta fuori la vera Afragolese”.

L’allenatore Pasquale Borrelli

“Gara molto tattica nel primo tempo, nella quale siamo andati sotto su due nostri errori, in particolare sulla seconda rete c’è stata una disattenzione su palla inattiva. Su questo dobbiamo lavorare in settimana. Nella ripresa invece’è stata una grande reazione, giocando come sappiamo. Nel complesso abbiamo disputato una grande gara e c’è rammarico perché pote-vamo vincerla. Abbiamo avuto un avvio di campionato difficile, affrontando tante ottime squadre”.

di -
0 96

La Virtus Avellino saluta il mese di settembre con una partita maiuscola e si mette alle spalle la crisi di risultati, ma non di gioco, che aveva accompagnato la squadra biancoverde nelle prime uscite stagionali.

Il primo tempo

Un primo tempo perfetto permette agli uomini di mister Rino Criscitiello di alzare le fondamenta alla prima vittoria stagionale che per prestazione e risultato finale riporta il sorriso in casa virtussina e rilancia le ambizioni della squadra virtussina.

Che la partita sarebbe stata interpretata in un certo modo sono bastati i primi minuti per capirlo, con D’Acierno, Viscido, Torsiello, Alleruzzo e Palmariello che si rendono subito pericolosi. Al 18’ la pressione della Virtus viene premiata. Torsiello serve D’Acierno al limite dell’area di rigore. Controllo perfetto e sinistro imprendibile che tocca il palo e si adagia in fondo al sacco. Neanche un giro di lancette e la Virtus mette nuovamente la freccia. Errore in disimpegno del numero uno giallorosso Belviso. Torsiello non fa complimenti, raccoglie la palla e al 19’ il bomber biancoverde si sblocca. Ed è 2-0. La Virtus non si accontenta. Capitan Rega continua a mantenere il pallino del gioco e, indisturbato, smista palloni a tutto campo. Al 25’ ancora Torsiello pescato in area. Lo stop e poco felice e la palla finisce tra le braccia del portiere. La partita si incattivisce e l’arbitro è costretto a interrompere spesso il gioco. Al 30’ ammonito De Riso per proteste. La prima incursione in area del San Vito si registra al 31’ Colpo di testa di Vallefuoco e palla alta sulla traversa. All’azione successiva è Amita a beccarsi il giallo per entrata scomposta su un mobilissimo Palmariello. Al 34’ entra in area Alleruzzo che prova il colpo ad effetto in corsa. Palla alta. La Virtus vuole chiudere la partita ma Torsiello al 35’ fa tutto da solo. Si libera bene ma il suo tiro dalla distanza è ribattuto. Capovolgimento di fronte e Langella (SV) dal limite impegna severamente Giliberti. Il primo intervento è da applausi. Il resto sono schermaglie al centro del campo prima della pausa.

La ripresa

Parte il secondo tempo e il San Vito opta subito per la prima sostituzione. Esce Coppola per Tahiri. Al 49’ il tiro di Di Ruocco (SV) è alto. Il San Vito prova a risollevare la testa ma è ancora la Virtus a fare la partita colpendo sulla fascia con Oliva che al 53’ entra in area e prova la conclusione senza fortuna. Cinque minuti dopo Torsiello, servito da D’Acierno scattato sul filo del fuorigioco, arriva in ritardo all’appuntamento con il pallone da posizione favorevole al centro dell’area. Al 60’ secondo cambio per il San Vito esce Buondonno per Porzio. Al 62’ doppio cambio anche per la Virtus: escono Viscido e Palmariello entrano Ripoli e Lippiello e la partita cambia nuovamente inerzia. Al 65’ la catena di sinistra Oliva/Ripoli spinge senza sosta e il neo entrato confezione l’assist per la doppietta di D’Acierno che aggancia in area e la mette comodamente alle spalle di Belviso. Si batte e il San Vito accorcia le distanze con un tiro dalla lunghissima distanza di Di Ruocco che beffa un disattento Giliberti. La partita non ha esaurito il suo appeal e al 71’ la Virtus rimette tutto a posto con il secondo gol anche di Torsiello che, servito ancora da D’Acierno, non può che metterla in fondo al sacco. I gemelli del gol si trovano alla perfezione e mister Criscitiello preferisce preservare lo stremato D’Acierno per i prossimi impegni. L’autore dell’assist esce tra gli applausi per far posto a Shullazi. Al 80’ escono Amita e Farriciello per Del Sorbo e Viscovo per il San Vito Positano, ma questo non sposta di una virgola l’andamento della gara. La Virtus macina ancora terreno e al 81’ Alleruzzo chiama all’intervento Belviso. Al 87’ esce De Riso per De Sciscio. Gli ultimi 3 minuti sono tutti di marca biancoverde. I lupacchiotti di Criscitiello azzannano altre due volte i ragazzi del San Vito. L’impatto di Ripoli è devastante e al 89’ la mette in porta con un preciso destro ad incrociare. Al 90’ l’eurogol di Alleruzzo chiude i conti e l’incontro. Il suo destro dal limite è da applausi e manda il pubblico del Comunale di San Michele di Serino in visibilio. Game – set – match. La Virtus festeggia la sua prima vittoria con un roboante 6-1 al San Vito e si mette alle spalle la crisi.

La fotogallery

Direzione

Simone Scala
1450 ARTICOLI0 COMMENTI